c.a.p.74024
look at me
Che la storia abbia inizio/
#Eros #Art #Fashion #Inspiration #Love
­ The Original Sin ­

cap74024_01-630x420 cap74024_04
Vite, modi e verità comuni. Una dissertazione intorno al voyeurismo e alla moda, perché qualche volta
c.a.p.74024 tratta di Eros, Arte, Moda, Ispirazioni e Amore. E lo fa attraverso una parafilia del sesso: il
Ciò che c.a.p.74024 intende proporre è una realtà non reale, verosimile. Proprio come un voyeur, che
dallo spioncino di una serratura guarda il soggetto del suo desiderio senza potervi interagire in alcun
modo. Vizi privati e pubbliche virtù: è l’Italia, sono gli italiani. Dal caso del Marchese Casati Stampa
alle vite dei reali, passando per le vicende giudiziarie dei Capi di Stato alle notizie di cronaca nera che
affollano le prime pagine dei quotidiani nazionali. E così in tutto il resto del mondo. Cosa c’è di più
Viviamo un momento di grandi cambiamenti, estesi a molteplici fronti (economico, media, strumenti di
utilizzo quotidiano, ruoli, identità, velocità temporale), in cui paradigmi del passato non risultano essere
più applicabili al contemporaneo. Si è in cerca di punti fermi, riferimenti di cui ci si possa fidare.
Nuove guide. Nell’era dell’immagine, l’immagine medesima risulta non essere più sufficiente.
L’apparenza come forma dell’essere è spesso distorta, e di conseguenza ciò che vediamo può
risultare non attendibile, costruito, non veritiero. Scavalcare l’esterno e penetrare all’interno, in
qualsiasi sua rappresentazione, fornisce maggiori garanzie che ciò con cui entriamo in contatto
non sia, proprio perché identificato fino a ieri come sfera privata, falsato, e di conseguenza ci
guardare ed essere guardati può essere la cosa che piace di più.
Voyeurismo. Tutta la realtà di oggi è estremamente voyeurista.
eccitante che osservare il privato del nostro vicino o di colui che ci sta accanto?
permetta di trovare punti di riferimento attendibili.
E in tutto ciò si insinua, latente, la moda.
Ogni soggetto indossa infatti capi del proprio guardaroba o di collezione corrente, scegliendoli sulla
sulla base del proprio gusto. Il senso di questa scelta è comunicare familiarità. Il pubblico interessato
alla lettura di un determinato articolo è affascinato dalla storia raccontata? Sente la sua vita vicina a
quella del protagonista? Condivide gli stessi gusti e le stesse abitudini? O, piuttosto, desidererebbe quel
tipo di quotidianità? Bene, senz’altro ne adotterà, oltre che lo stile di vita, anche i costumi.
Tutti gli artisti che hanno preso parte alla Issue #01 di c.a.p.74024 si sono interrogati su che cosa fosse
per loro il Voyeurismo e quale fosse Il Peccato Originale dei nostri giorni. Il risultato è una
commistione di immagini che raccontano storie di vite comuni, i cui gesti disincantati restano chiusi
all’interno delle mura domestiche, e i cui segreti privati attendono solo di essere svelati.
Forse, l’esibizionismo non ha altro contenuto se non mostrare la propria catarsi liberatoria nel togliersi
di dosso qualsiasi tipo di sovrastruttura.
 
Dea mademoiselle è l’art director della rivista. QUI viene intervistata da Simone Sbarbati, Frizzi Frizzi, il quale ringraziamo pure per i bellissimi scatti alla rivista usati qui.

cap74024_05-630x420 cap74024_06-630x420 cap74024_10-630x420 cap74024_11-630x420 cap74024_12-630x420 cap74024_13-630x420 cap74024_15-630x420 cap74024_19-630x420 cap74024_20-630x420 cap74024_21-630x420 cap74024_22-630x420 cap74024_23-630x420